LA  TRASMISSIONE  SPETTRALE  DELLA  EOS 5D:

UN  RISCONTRO  PRATICO

_______________________________________________


Non ho alcuna intenzione di infognarmi in astrusi ragionamenti su sensitometria,
densitometria, spettrofotometria ed altri paroloni astrusi; molto pi¨ semplicemente,
l'altro giorno mio figlio mi ha chiamato sul terrazzo posteriore perchŔ c'era un
bellissimo arcobaleno, insolitamente esteso nella porzione del violetto, e ben
contrastato contro un cielo ancora bigio per il recente temporale; per assecondarlo
ho rapidamente imbracciato la EOS 5D dotata di EF 35-350mm L, a sua volta
munito di filtro UV, ed ho eseguito qualche scatto; l'immagine che segue Ŕ stata
ottenuta alla sensibilitÓ di 320 ISO con 1/1000" f/11 alla focale massima di 350mm.

Quello che mi ha colpito, analizzando l'immagine RAW, Ŕ l'estesa riproduzione tonale
presente all'estremitÓ dell'iride, le cui tenui sfumature che degradano verso le porzioni
 invisibili dello spettro - IR ed UV - sono fortunatamente evidenziate in contrasto di
toni sul cielo grigio plumbeo di fondo, considerando il fatto che la macchina dispone
del suo bel filtro low-pass e che l'obiettivo - oltre a presentare un filtro UV anteriore -
Ŕ costituito da ben 21 lenti, tutte trattate MC e ripetutamente collate con collanti
che a loro volta assorbono certe frequenze dello spettro, ci si dovrebbe aspettare
un repentino taglio di frequenze  al limite di rosso e violetto, mentre la versione
dell'immagine sottoposta a forte saturazione in Photoshop mi lascia sospettare che,
ad onta di tutti gli sbarramenti, una quota delle frequenze pi¨ lunghe e pi¨ corte,
spinte dritto fino all'invisibile, vengano comunque registrate dal sensore; naturalmente
non c'Ŕ alcun riscontro tecnico o misurazione spettrofotometrica, tuttavia la prima
impressione Ŕ stata questa, soprattutto analizzando lo strano andamento del violetto...

 

L'immagine originale, senza alcuna regolazione, eseguita con la Canon EOS 5D ed il Canon EF 35-350mm f/3,5-5,6 L
dotato di filtro UV ed utilizzato alla focale massima con f/11 a 320 ISO

 




la stessa immagine sottoposta a saturazione per evidenziare le bande cromatiche; mi ha colpito
l'apparente estensione della risposta spettrale all'estremitÓ dell'iride, nonostante i teorici e numerosi
sbarramenti presenti nel sistema ottico complessivo; in particolare, l'andamento del violetto Ŕ curioso,
con una strana banda apparentemente giallo-verde fra due settori viola; ovviamente non c'Ŕ alcun rigore o
riscontro scientifico in questa sensazione, ma il risultato mi ha incuriosito...

___________________________________________________________________

CONTATTO            ARTICOLI  TECNICI  FOTOGRAFICI